Titolo richtext

La nuova immagine

Quando Piero Carlo Bonzano mi ha chiamato per affidarmi la nuova concezione dell’immagine e della comunicazione di Argol Villanova, sono rimasto impressionato dalla modernità di un’impresa nata nel 1952, più di sessanta anni fa. Un’impresa che ha saputo rimodellarsi, adeguandosi in modo efficace ai cambiamenti, fino a diventare oggi leader nel settore dei servizi per la logistica.

Un’impresa che non produce materia ma che produce quanto di più utile nel mondo tecnologizzato di oggi: sinergia organizzativa, gestione di magazzini e piattaforme, trasporti intermodali, servizi di alta ingegneria. E un’impresa che nasce a Casale Monferrato, dal genio imprenditoriale di un uomo e che al territorio e alla gestione familiare resta ancorata, con grande senso di realtà.

Mi piace l’idea che un “mestiere” contribuisca allo sviluppo e all’evoluzione umana. Mi piace lavorare per certe realtà “solide”, non solo nell’economia, anche negli affetti, nelle tradizioni familiari, nel rispetto dei luoghi che le hanno viste crescere.

“Argol Villanova” è sicuramente un bel nome, molto evocativo, elegante. Ma, forse, non adeguato al mondo globalizzato in cui l’impresa oggi opera. Allora “B” come l’iniziale del cognome del Fondatore e dei figli che proseguono la sua storia.

“B Cube”: facile da ricordare, visivamente rapido, pronunciabile nello stesso modo in tutto il mondo. E i colori “carichi”, materici, il giallo, il blu, il magenta. L’inserimento del colore nel logo perché il colore è energia, positività. E mi piace pensare che questo nuovo logo a colori apra a Argol Villanova almeno un altro sessantennio di sviluppo e di fortuna.

 

Oliviero Toscani